CROWDFUNDING

Crowdfunding, dall’inglese crowd=folla e funding=finanziamento, è una modalità di raccolta fondi online.

Attraverso una piattaforma web, chi ha la necessità di finanziare un’iniziativa privata, di beneficenza o un’impresa, viene messo in contatto con un numero elevato di persone che hanno la possibilità (e la volontà) di soddisfare il bisogno, ciascuno anche con piccole quote.

Esistono cinque tipi di crowdfunding, di cui due basati sulle donazioni (Donation e Reward) e tre basati sugli investimenti (Equity, Lending e Royalty).

In questi due ultimi casi si parla di “Crowdinvesting“:

DONATION CROWDFUNDING

Chi propone il progetto, tipicamente un’iniziativa di beneficenza, si aspetta che i sostenitori interessati doneranno fondi in cambio del semplice piacere di avere donato o con riconoscimenti personalizzati

REWARD CROWDFUNDING

Il progetto può consistere nella realizzazione di un’iniziativa imprenditoriale (p.es. la realizzazione di un nuovo prodotto). In questo caso, chi dona soldi potrà ricevere in cambio delle ricompense (i reward) in funzione dell’entità dell’importo donato. Nel caso di un prodotto, potrebbe essere il prodotto stesso quando verrà realizzato.

EQUITY CROWDFUNDING

Un’impresa può finanziare il proprio sviluppo raccogliendo fondi in cambio di quote dell’impresa e quindi la possibilità di compartecipare agli utili e alla creazione di valore nel lungo termine, normato in Italia dal 2012 (D.L. n°179/2012 e convertito nella Legge n° 221 del 2012 “Decreto Crescita bis”). Il beneficio per chi investe inoltre è la possibilità di cedere in futuro le quote acquistate, ad un valore molto più alto del prezzo di acquisto, generando dunque un profitto (capital gain). Poiché si tratta di un investimento rischioso (la società potrebbe fallire o non essere mai acquistata), l’investitore viene tutelato da un apposito regolamento emanato da Consob e i portali di equity crowdfunding sono vigilati dalla stessa Consob. Nel caso di equity green il grande vantaggio risiede non solo nei guadagni ma nella certezza dello stesso in quanto non subordinato alle performance dell’azienda ma dalla produzione delle tecnologie

LENDING CROWDFUNDING

In questo caso, l’impresa si finanzia chiedendo un prestito al pubblico. L’importo del prestito viene così ripartito tra più prestatori, riducendo così l’importo minimo di sottoscrizione. La società restituirà all’investitore il capitale più una quota di interessi.

ROYALTY CROWDFUNDING

E’ un tipo di crowdfunding in cui «si finanzia una determinata iniziativa ricevendo in cambio una parte dei profitti»

In pratica chi lancia una campagna di crowdfunding di questo tipo offre delle quote dei guadagni futuri del progetto per il quale richiede il finanziamento.
Essenzialmente il royalty consiste nella vendita da parte del proprietario del business e nel contestuale acquisto da parte dell’investitore di una parte dei ricavi che saranno generati dalle vendite future dell’attività economica e nel caso di equity green la vendita dell’energia o dei ricavi di eventuali incentivi. Gli investitori possono, quindi, ottenere un reddito regolare garantito dalle vendite ed al contempo i proprietari del business,

La formula del crowdfunding royalty-based è «perfettamente regolata in Italia con le norme sull’associazione in partecipazione: chi finanzia partecipa in quota agli utili generati.